Sestriere delibera l’ipotesi di candidatura ai Giochi Olimpici Invernali 2026

SESTRIERE – Dopo il Consiglio dell’Unione Montana Comuni Olimpici Via Lattea (Cesana Torinese, Claviere, Pragelato, Sauze di Cesana, Sauze d’Oulx e Sestriere), tenutosi giovedì 15 febbraio, anche il Consiglio Comunale di Sestriere nella seduta del 16 febbraio ha deliberato all’unanimità, come per l’Unione, la volontà di presentare la candidatura ai Giochi Olimpici Invernali 2026.

Passaggi importanti che seguono l’incontro, tenutosi a Pinerolo ad inizio febbraio, dove i sindaci del territorio alpino che ha ospitato i Giochi Invernali di Torino 2006 si sono detti pronti a lavorare insieme per puntare alle Olimpiadi bis, quelle del 2026. A chiusura dell’incontro è stato chiesto al Sindaco di Pinerolo, Luca Salvai, di fissare un appuntamento tra sindaci ed amministratori del territorio alpino con la Sindaca di Torino Chiara Appendino, nonché Presidente della Città Metropolitana di Torino.

Altro aspetto importante arriva dall’analisi dell’Host City Contract XXIV Olympic Winter Games in 2022, di Pechino che prevede la partecipazione del CIO alle spese di organizzazione, secondo alcuni parametri e percentuali, per un ammontare stimato di 880 milioni di dollari. Un dato che, tenuto conto della disponibilità di quasi tutti gli impianti sportivi occorrenti e dei pochi interventi necessari all’adeguamento degli stessi, potrebbe consentire di ospitare i Giochi del 2026 con un ricorso a fondi pubblici molto inferiore rispetto a quelli occorsi per i Giochi Olimpici Torino 2006.

Quindi l’ipotesi di candidatura della Città di Torino, per i Giochi Olimpici Invernali del 2026, unitamente al “sistema” dei Giochi Olimpici 2006, della Città di Pinerolo, della Valli Susa, Chisone/Germanasca e Pellice sarebbe una grande opportunità economica e di sviluppo per l’intero territorio ed al tempo stesso una grande chance per la riqualificazione delle aree e strutture olimpiche di Torino 2006. Il tutto in piena linea con le direttive espresse dal CIO.

Ezio Romano | press office | Comune di Sestriere